Senza Lattosio vegan Senza Uova difficulty time cooking-method category yield

Come preparare i ceci in conserva: la ricetta infallibile

Ceci in conserva

Da quando sono diventata vegetariana il piacere di mangiare i legumi è diventato anche un’esigenza.

Per integrare al meglio le proteine nella mia dieta consumo molti legumi di vario genere come fagioli, lenticchie, fave, lupini e gli immancabili ceci!

I ceci sono dei legumi molto proteici, naturalmente privi di colesterolo e ricchi di fibre. Sono inoltre un’ottima fonte di calcio, magnesio, fosforo e potassio e contengono numerose vitamine del gruppo A e K.

Dato che in famiglia ne consumiamo in gran quantità, da qualche anno li preparo in conserva, così da averli sempre pronti all’uso e vi assicuro che sono buonissimi, nulla a che vedere con quelli già pronti in scatola.

La consistenza e il sapore dei ceci cotti in casa è ineguagliabile; la texture resta compatta e anche dopo averli messi in conserva non si “spappolano” restando belli integri.

Scelgo sempre un prodotto di partenza di qualità, ad esempio ultimamente mi sono trovata bene con i ceci secchi biologici di Koro, devo ammettere che hanno un’ottima qualità prezzo.

Per realizzare questa ricetta sarà necessario mettere in ammollo i vostri legumi per il tempo indicato sulla confezione (10/12 ore circa) prima di cuocerli. Durante l’ammollo in acqua fredda i ceci di reidrateranno e saranno pronti poi per essere bolliti.

La cottura dei ceci può variare dalla tipologia degli stessi quindi vi consiglio di cuocerli per almeno un’ora e di controllarli al termine e prolungare la cottura se necessario.

Potete utilizzare semplicemente una pentola capiente come ho fatto io, altrimenti se possedete una pentola a pressione, vi consentirà di accorciare i tempi di cottura.

Vi consiglio di seguire le indicazioni di Raffaella Babygreen molto più esperta di me nell’argomento.

Per conservare al meglio i nostri vasetti di ceci cotti, li andremo poi a sottoporre al processo di pastorizzazione con il quale ridurremo drasticamente il rischio di contaminazione batterica e ci assicureremo di aver preparato un prodotto sano e che si mantenga a lungo.

Durante la pastorizzazione infatti, l’azione battericida del calore disattiverà gli enzimi e distruggerà gran parte dei microrganismi residui presenti nell’alimento e nel suo liquido di cottura.

L’acqua di cottura dei ceci (o liquido di governo) è detta acquafaba ed è un ingrediente molto versatile in cucina per realizzare molteplici ricette; essa infatti è ricca di albumine, delle proteine che permettono all’acquafaba di montare a neve esattamente come gli albumi delle uova.

Seguendo questa ricetta potrete ottenere 2,5 kg di ceci cotti, partendo da 1 solo Kg di legumi secchi; un bel risparmio no?

Nello specifico con la quantità totale di ceci cotti sono riuscita a realizzare:

  • 3 vasetti da 500 gr
  • 6 vasetti da 250 gr
  • 3 vasetti da 200 gr

Allo stesso modo potete preparare conserve anche di altre tipologie di legumi come fagioli di diverso tipo e lenticchie.

Potrete fare gran scorta di ceci sempre pronti all’uso nella vostra dispensa da utilizzare a piacimento, evitando così i notevoli tempi di ammollo e ottenendo un prodotto eccellente.

Utilizzo spesso i miei ceci in conserva per preparare deliziosi hummus o per primi piatti come la mia pasta e ceci oppure del colorati fusilli con ceci e verdure.

Vi consiglio di provarli anche per realizzare golose insalate primaverili come la mia freschissima spring bowl oppure per realizzare un buonissimo curry di ceci.

Per rendere più digeribili i ceci, vi consiglio di aggiungere nell’acqua di cottura un pezzettino di alga kombu. Potete trovarla nei negozi orientali oppure online sottoforna di alghe essiccate in foglie.

L’alga kombu contiene molti minerali preziosi come potassio e fosforo, è molto utile sia per rafforzare il sistema immunitario che per favorire la circolazione sanguigna e il drenaggio dei liquidi, ed è in grado di rendere vostri ceci più digeribili grazie alla presenza dell’acido alginico.

In alternativa potete utilizzare una foglia di alloro.

Altra accortezza per la buona riuscita di questa ricetta è di non aggiungere il sale durante la cottura dei legumi ma solo nel momento in cui li invaserete; questo perché cuocerli in acqua salata li renderebbe durissimi.

Invasate i vostri ceci in vasetti di grammature miste così da avere a disposizione la quantità giusta di legumi in base alle vostre esigenze.

Infine vi consiglio di etichettare i vasetti con la data in cui li avete preparati così da tener traccia della loro conservazione; una volta pastorizzati si manterranno all’incirca 2 anni.

Vediamo come è semplice realizzare in casa questa conserva di legumi.

Ceci in conserva

Come preparare i ceci in conserva: la ricetta infallibile

Ingredienti

Vi servirà

Procedimento

  1. Iniziate mettendo in ammollo i vostri ceci secchi in una ciotola capiente con acqua fredda.

    I ceci devono reidratarsi per almeno 10-12 ore quindi vi consiglio di immergerli in acqua dal pomeriggio-sera del giorno prima.

    Mettere in ammollo i ceci
    L'ammollo è un passaggio necessario per la buona riuscita di questa preparazione. Se possibile, cambiate l'acqua di ammollo almeno 2 volte.
  2. Una volta che i ceci saranno reidratati, scolateli e risciacquateli per bene sotto acqua corrente.

    Risciacquare i ceci
  3. Successivamente poneteli all'interno di una pentola capiente e copriteli con acqua di rubinetto.

    Cuocere i ceci in acqua
    Il livello dell'acqua deve superare i ceci indicativamente di 4 cm.
  4. Aggiungete nella pentola un pezzetto di alga kombu e ponete sul fuoco coprendo con il coperchio.

    Portate a bollore facendo cuocere per 1 ora.

    Alga kombu
    Trascorso il tempo controllate la cottura dei vostri ceci, se vi sembrano ancora duri proseguite per altri 20-30 minuti.
  5. Nel frattempo occupatevi di sterilizzare i vasetti di vetro con i rispettivi coperchi, quindi immergeteli in un'altra pentola d'acqua e portate a bollore anch'essi facendoli bollire per 30 minuti.

    Una volta pronti scolateli su un canovaccio pulito.

    Sterilizzare i vasetti
    Una volta sterilizzati conservate la pentola con l'acqua calda, vi servirà in seguito per la pastorizzazione.
  6. Una volta cotti i ceci, siete pronti per invasarli.

    Con l'aiuto di un mestolo e di un imbuto per marmellate, versate in ogni vasetto di vetro i ceci, prelevandoli abbastanza asciutti (senza li liquido di cottura) e una volta riempiti quasi completamente aggiungete l'acqua di governo fino a coprirli in superficie.

    Mettere i ceci nei vasettiCoprire i ceci con il loro liquido di cottura
  7. A questo punto aggiungete un cucchiaino di sale per ciascun vasetto.

    Aggiungere il sale
    Il sale oltre a dare sapore ai ceci fungerà da conservante.
  8. Chiudete ora i vasetti riempiti di ceci, avvitando saldamente i rispettivi coperchi e immergeteli nella pentola dove li avevate sterilizzati.

    Pastorizzare i vasetti
  9. Immergete assieme ai vasetti anche il canovaccio utilizzato in precedenza, coprite con coperchio e riportate all'ebollizione.

    Fate bollire il tutto per 30 minuti; in questo modo avrete reso i vostri ceci sicuri per il consumo e si manterranno conservati a lungo.

    Pastorizzare i vasetti in pentolaAggiungere il canovaccio nella pentola per non far sbattere i vasetti tra loro
  10. Trascorso il tempo, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare completamente i vasetti in acqua.

    Una volta freddi potrete estrarli dalla pentola, asciugarli e riporli nella vostra dispensa dove si conserveranno fino a 2 anni.

    Controllate che il tappo abbia fatto il sottovuoto prima di mettere in dispensa i vostri barattoli. Potete verificarlo semplicemente premendolo: se è ben adeso e non fa "clack" significa che il sottovuoto è riuscito e il vostro prodotto sarà perfettamente conservato.